Erosione smalto: molti italiani ne ignorano le cause e pensano che si auto-rigeneri

Il consumo di cibi acidi e drink rovina lo smalto dei denti del 40% degli italiani, ma solo uno su 10 ne è a conoscenza, mentre la metà delle persone pensa che lo smalto abbia la capacità di “auto-rigenerarsi”. È quando emerso da un’indagine condotta dall’Accademia Italiana di Odontoiatria Conservativa e Restaurativa (AIC), e presentata durante il 20esimo Congresso Nazionale.

Dallo studio è anche emerso che solo l’8% della popolazione sa che i denti ingialliti possono essere sintomo di una riduzione dello smalto, e solo una persona su tre sa che anche l’ipersensibilità a caldo e freddo possono essere dei sintomi. Inoltre, la maggior parte degli italiani si rivolge al dentista solamente per risolvere la questione “estetica”: denti gialli, fragili, che si scheggiano più facilmente.

«Gli acidi – spiega Lorenzo Breschi, presidente di AIC -possono trovarsi nel cavo orale a causa di varie patologie dell’apparato digerente come il reflusso gastro-esofageo o disturbi alimentari, ma più spesso sono dovuti al consumo frequente di cibi e bevande molto acidi come energy drink, bibite gassate e spremute di agrumi soprattutto se vengono sorseggiate a lungo senza lasciare tempo alla saliva di riportare il pH orale a un livello “di sicurezza”: per bere senza rischi anche un centrifugato o un estratto che contenga agrumi, frutta o verdure acide, può bastare usare una cannuccia, in modo che il contatto con i denti sia minimo. Altrettanto sconosciuti sono i rischi delle diete con eccessivi consumi di vegetali acidi: meglio optare per ortaggi poco acidi e fibrosi come sedano, broccoli, verdura a foglia, che aiutano anche a “spazzolare” i denti durante la masticazione. Non aumentano il rischio di erosione dentale invece i chewing-gum perché incrementano la produzione di saliva fino a 10 volte il normale flusso, ma devono essere quelli giusti, senza zucchero o a base di xilitolo.»

Pubblicità

Non causano danni ai denti nemmeno le sigarette elettroniche, conclude Breschi, «mentre il cloro nell’acqua delle piscine può diventare rischioso soltanto se si nuota quattro, cinque volte a settimana per almeno due ore.»

 

Erosione smalto: molti italiani ne ignorano le cause e pensano che si auto-rigeneri - Ultima modifica: 2018-05-16T06:12:14+00:00 da redazione

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome