Enpam e Inail a Speranza: aumentare la dotazione per i morti da infortuni sul lavoro

Enpam_morti-infortunio-sul-lavoro

L’Ente Nazionale di Previdenza ed Assistenza dei Medici e degli Odontoiatri (Enpam) insieme all’Inail ha richiesto al ministro della Salute Roberto Speranza di aumentare il finanziamento al fondo di Stato per i morti da infortuni sul lavoro.

«Il fondo fu istituito con la legge finanziaria 2007 – si legge in una nota della Fondazione – e stabilisce il diritto a un’indennità una-tantum per tutti i lavoratori morti a seguito di infortunio professionale, indipendentemente dal fatto che siano iscritti all’Inail o meno. Ne hanno quindi diritto anche medici e odontoiatri convenzionati e liberi professionisti.»

Grazie al Decreto-legge Cura Italia, l’istituto pubblico «tratta il Covid-19 come un infortunio, se contratto per cause lavorative. Per questo, a seguito della pandemia, la dotazione del fondo per le morti da infortunio risulta ora insufficiente per coprire tutti gli aventi diritto.»

Pubblicità

Se la dotazione venisse aumentata, quindi, potrebbe essere riconosciuta l’indennità ai famigliari superstiti di tutti i medici e gli odontoiatri caduti a causa del Covid-19.

Enpam e Inail a Speranza: aumentare la dotazione per i morti da infortuni sul lavoro - Ultima modifica: 2021-01-25T06:56:56+00:00 da redazione

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome