Complicanze ortodontiche e teleortodonzia durante la pandemia Covid-19

Complicanze ortodontiche e teleortodonzia durante la pandemia Covid-19

“L’Italia è stato il primo paese occidentale colpito duramente dalla pandemia Covid-19. Il governo e la comunità, a tutti i livelli, hanno reagito con forza e hanno ribaltato la traiettoria dell'epidemia con una serie di misure basate sulla scienza": questo l’elogio recentemente espresso dall’Organizzazione Mondiale della Sanità nei confronti del nostro paese. Con questi presupposti, è naturale che l’esperienza italiana abbia fatto da guida alle scelte di varie altre nazioni successivamente interessate. Quando si parla di risposta, non ci si riferisce solo alle scelte operative per la gestione clinica dell’emergenza, ma anche a quelle relative alla sorveglianza di tutti quei pazienti che hanno congelare piani di cura ordinarie.

È il caso degli ortodontisti che, come tutti gli odontoiatri, hanno dovuto limitare la propria clinica attività agli a quelle cosiddette emergenze non differibili, le quali raramente possono essere configurate dagli interventi urgenti che normalmente esulano dalla normale attività, come ad esempio lesioni orali, distacco di bracket e bande, rottura dell'arco, di un apparecchio rimovibile, distacco degli attacchi dagli allineatori e rottura degli stessi.

In assenza di piattaforme specificamente dedicate alla teleodontoiatria, i professionisti si sono avvalsi dei più comuni sistemi di messaggistica e video calling per fornire consulenze da remoto.

Recentemente, un gruppo di ortodontiste attive presso L'Università "La Sapienza" di Roma ha condiviso la propria esperienza di teleodontoiatria nel periodo di lockdown, nell’intento di valutare l’impatto della pandemia su diverse tipologie di trattamento ortodontico e, possibilmente, di definire gli aspetti positivi, da mantenere una volta ripresa definitivamente la normale attività clinica.

Un totale di cento pazienti ortodontici, di età compresa tra i 7 e i 46 anni, sono stati sottoposti a controlli (a distanza di più di 40 giorni dall’ultimo avvenuto in presenza) tramite invio di foto e videochiamate attraverso l’applicazione di instant messaging più diffusa in Italia. Nel caso di soggetti minorenni, i genitori sono stati debitamente istruiti a partecipare.

La telemedicina per risolvere le complicanze ortodontiche

Il campione è stato suddiviso in 3 gruppi: A) portatori di apparecchi fissi: multibracket, espansori palatali, distal jet; B) portatori di apparecchi rimovibili: Frankel, Twin block, Bionator, Schwartz; C) portatori di allineatori invisibili.

Le autrici hanno registrato il quadro egli eventuali eventi intervenuti: variazioni della salute dentale e gengivale, integrità degli apparecchi, sintomi correlati alle terapie ortodontiche e il progresso complessivo degli stessi trattamenti.

I risultati attestano percentuali più elevate di infiammazione gengivale nei gruppi A e B (rispettivamente 27 e 22%),

I gruppi A e B hanno riportato percentuali più elevate di infiammazione gengivale (rispettivamente 27 e 22%) e placca dentale (16 e 13%), ma anche di dolore e discomfort (35 e 32%). Nei gruppi A e C, sono stati rilevate perdite di bracket e attacchi nel 22 e 23% dei casi.

Le terapie sono progredite meglio nei gruppi C (51% dei casi di miglioramento dell'allineamento dentale) e B (31% di miglioramento delle malocclusioni).

Nelle conclusioni, le autrici osservano in primo luogo la generale sicurezza nella gestione emergenziale del paziente ortodontico. La teleortodonzia può rappresentare un ausilio valido nell’impossibilità di visitare il paziente nel periodo immediatamente successivo a un evento avverso, posticipando i controlli veri e propri. In presenza di difficoltà nel mantenimento di un contatto costante con il paziente – condizione che non può costituire un punto di partenza auspicabile per un trattamento ortodontico – l’utilizzo degli allineatori, ove indicato, potrebbe rappresentare il compromesso terapeutico più favorevole.

Riferimenti bibliografici

https://www.scielo.br/scielo.php?script=sci_arttext&pid=S1983-46322020000100425&lng=en&nrm=iso

Complicanze ortodontiche e teleortodonzia durante la pandemia Covid-19 - Ultima modifica: 2020-09-29T06:36:31+00:00 da redazione

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome