Il taglio piezoelettrico avviene grazie a una microvibrazione ultrasonica di soli 60-200 micron di ampiezza, in grado di intervenire con precisione sui tessuti mineralizzati senza danneggiare i tessuti molli adiacenti.
  • L'effetto piezoelettrico nell'osteotomia
  • Quali sono i campi di applicazione?
  • Tipologie di inserti e loro indicazioni

Il successo in odontoiatria dipende parzialmente dagli strumenti con i quali il clinico esegue il trattamento, soprattutto in ambito chirurgico. In chirurgia orale, implantologia e parodontologia gli strumenti devono rimuovere tessuti duri come smalto, dentina, cemento e osso: la quantità e la qualità di tessuto duro rimosso influenza significativamente il post-operatorio. La piezosurgery  è nata per superare i limiti degli strumenti tradizionalmente utilizzati in chirurgia (es. maglietti e scalpelli seguiti dall’uso di frese dedicate), che producevano effetti indesiderati quali una forte pressione e il surriscaldamento delle aree trattate. Questa tecnologia si basa sul principio per il quale, quando si applica una tensione elettrica a un cristallo, questo si espande e si contrae, producendo vibrazioni ultrasoniche che sono in grado di frammentare determinati corpi.

Continua a leggere su DM Club,
la sezione premium de Il Dentista Moderno

Registrati al sito e accedi subito ad una selezione di articoli free come questo, indicati con il logo DM CLUB Free Premium CREA UN ACCOUNT

Fai già parte del DM Club?

Abbonati a Il Dentista Moderno per accedere a tutti gli altri contenuti e vantaggi riservati agli abbonati.

Pubblicità
Chirurgia piezoeletrica: quali applicazioni? - Ultima modifica: 2021-07-22T14:25:03+00:00 da monicarecagni

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome