ANDI Roma: in difesa dei diritti degli odontoiatri

Il 26 novembre il Presidente e l’Esecutivo di  ANDI Roma, con la partecipazione del  Segretario sindacale nazionale ANDI Dott. Alberto Libero, hanno organizzato la riunione dei soci ANDI ROMA. Durante l’incontro, sono stati affrontati vari temi di attuale interesse professionale, aggiornando i presenti su quelle che sono le attività svolte dall’associazione sia a livello nazionale che locale.

“Ritengo importante e significativa la sempre più numerosa partecipazione dei colleghi alle riunioni sindacale in cui si trattano e si spiegano nel dettaglio i problemi che incombono sulla professione – ha dichiarato il Presidente ANDI ROMA Sabrina Santaniello –  i problemi risolti e quelli in via di soluzione per cercare, dialogando nuovi spunti da chi, come tutti noi, la professione la vive ogni giorno sul campo . E’ per me motivo di orgoglio prendermi cura della crescita della consapevolezza nei colleghi che tutti insieme possiamo fare la differenza”.

Particolare rilevanza è stata data alla questione della norma sul 730 precompilato, la cui introduzione obbliga tutti i  medici a trasmettere  le spese sostenute dai pazienti attraverso il “Sistema Tessera Sanitaria”, informazioni già inviate dagli odontoiatri all’Agenzia delle Entrate tramite lo spesometro. Per non andare in contro a pesanti sanzioni economiche, ogni studio dovrà essere adeguato dal punto di vista organizzativo e informatizzato. ANDI e CAO si sono opposti a questa norma, dal momento che molti studi odontoiatrici non sono in grado di provvedere a quanto richiesto , nè nei contenuti nè nei tempi imposti, facendo ricordo al TAR del Lazio.

Pubblicità

E’ stata poi affrontata la questione relativa al medico competente, legge 81/08, spiegando i criteri di scelta che portano a dotarsi o meno del medico competente in studio.
Sono state riviste due importanti sentenze: quella del TAR dell’Emilia Romagna che ha recentemente ribadito l’impossibilità per gli igienisti dentali di aprire studi autonomi, e la sentenza che autorizza gli odontoiatri a realizzare in proprio protesi fisse tramite sistemi CAD – CAM.

”L’attenzione e l’attività’ di contrasto di ANDI, il più rappresentativo sindacato degli Odontoiatri in Italia, nei confronti dei problemi e delle norme che condizionano lo svolgimento della professione è’ costante – ha dichiarato Carlo  Ghirlanda  Segretario sindacale di ANDI Roma –  in queste riunioni, sempre maggiormente partecipate, abbiamo affrontato tutti i temi che ci riguardano.”
Tutti questi temi e molte altre questioni di grande importanza per gli odontoiatri saranno al centro della  manifestazione di sabato 28 novembre, con inizio alle ore 15 e fino alle ore 18, in piazza SS. Apostoli, Roma. Una  protesta nazionale di tutti i medici contro le leggi che incombono sulla testa dei professionisti
 

ANDI Roma: in difesa dei diritti degli odontoiatri - Ultima modifica: 2015-11-28T14:21:28+00:00 da redazione

1 commento

  1. […] chi si sta rapportando per la prima volta con il Sistema Tessera Sanitaria, il Presidente Nazionale ANDI Gianfranco Prada ha rilasciato un’intervista in cui affronta questo delicato […]

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome