Visibile anche in streaming, si apre il 19 novembre a Bologna l’assise dell’Accademia italiana di odontoiatria protesica, per dare risposte chiare ai bisogni di una specialità in evoluzione.

 

È in calendario nelle giornate di venerdì 19 e sabato 20 novembre 2021 al Palazzo della cultura e dei congressi di Bologna il 40esimo convegno internazionale dell’Accademia italiana di odontoiatria protesica. Si svolge in modalità mista e cioè accessibile sia in presenza sia online e grazie a un’ agenda ricca di interventi, workshop e spunti ha già attratto oltre ottocento iscrizioni. Il titolo scelto dice già di per sé molto sui contenuti che l’Accademia intende veicolare: Attualità in protesi - alla ricerca di risposte. E di quali risposte si tratti, lo ha spiegato il presidente AIOP Riccardo Del Lupo.

Il Congresso ha un format inedito: vuole descrivercelo e spiegarcene le ragioni?

Innanzitutto, si svolge in parte in presenza e in parte in streaming per aprire la partecipazione a una platea il più possibile ampia. Sono due giornate intense di interventi scientifici, oltre al programma dell’Accademia avremo anche importanti workshop, curati dagli sponsor ai quali vogliamo dare il giusto riconoscimento, in orari tali da evitare sovrapposizioni con le presentazioni cliniche. Inoltre, è strutturato come un talk show televisivo con moderatori che, oltre agli speaker, daranno ampio spazio ai quesiti del pubblico, per chiarire alcuni punti essenziali dell’attività clinica e di alcune tecniche protesiche. Sono previsti percorsi comuni per odontoiatri e odontotecnici, ma questi ultimi avranno la possibilità di seguire anche una interessante ed esclusiva sessione tecnica (specifiche) sotto la guida di un esperto di fama mondiale.

L’attenzione al confronto fra professionisti è frutto del desiderio di tornare a incontrarsi?

Senza dubbio, dopo due anni di astinenza totale. Abbiamo accettato alcune modalità di interazione imposte dalla pandemia e ne abbiamo apprezzati vari aspetti. È però tempo di andare oltre, consentendo a chi è presente di interfacciarsi direttamente coi relatori traendone risposte di immediata utilità. Vedersi e dialogare fra colleghi e amici è per noi un fatto d’importanza e valore assoluti. Ai nostri soci è mancato questo incontro, oggi abbiamo avuto, con tutti i limiti imposti dai decreti anti-Covid una gradita risposta dei professionisti.

Pubblicità
Guardando all’agenda dell’evento, quali sono i punti che Le stanno più a cuore?

Difficile dirlo. Il Congresso è molto concentrato sulle parti tecnico-cliniche, in linea con il nostro programma scientifico. Per chiunque si interessi di protesica le tematiche d’interesse sono molteplici: vogliamo offrire uno sguardo a 360 gradi sulla professione e le innovazioni che la attraversano. Fra queste, le tecnologie digitali, ormai presenti ovunque e preziose anche per noi. Ci muoviamo con attenzione e cautela: non promuoviamo prodotti ma tecniche, verificandone i risultati sul campo, in termini di efficacia, precisione e accuratezza. La digitalizzazione è il futuro e continueremo a parlarne: purché le soluzioni siano testate, validate, spiegate da voci autorevoli.

Sembrano anche i requisiti necessari per proseguire la fruttuosa relazione con le Scuole…

È un legame forte e a dimostrarlo è anche l’apertura delle iscrizioni agli studenti delle settanta scuole di odontotecnica del Paese. Come professionisti del settore, abbiamo attivato già da anni l’iniziativa AIOP Education, che mira a intensificare il rapporto fra l’Accademia, gli studenti e i docenti. Loro sono il futuro dell’odontoiatria italiana e vogliamo prepararli al meglio e un domani accoglierli nella nostra Accademia. Sono grato a quanti hanno contribuito alla riuscita del progetto, così come ai nostri soci ordinari, cui dò il benvenuto al 40esimo congresso. In questi due anni, pur avendo affrontato immaginabili difficoltà economiche, sono sempre rimasti vicini all’Accademia mantenendo vivo questo legame con le loro iscrizioni.

 

 

 

40° Congresso internazionale AIOP, la protesi fra attualità e futuro - Ultima modifica: 2021-11-17T10:11:09+00:00 da redazione

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome