Ghiotta l’occasione di illustrare la sentenza che proponiamo in questo numero. Seppur giuridicamente appaia ineccepibile, confidiamo, invece, possa interessare la Suprema Corte per un approfondimento della problematica: se, infatti, negare la possibilità di poter ottenere il risarcimento di eventuali danni in Italia può essere un deterrente per il paziente, permettere a quest’ultimo di agire sul proprio territorio può diventare, di contro, un deterrente per quelle strutture estere che hanno nella clientela italiana la loro maggior fonte di guadagno.

Il caso

Si parla, in realtà di mastoplastica additiva, rimodellamento delle sopracciglia e rinosettoplastica, ma il pensiero non può non andare ai colleghi che, al di à delle Alpi (soprattutto Carniche e Giulie), curano italici sorrisi. Non si vogliono esprimere giudizi sulla professionalità degli operatori, che non si discute in alcun modo, bensì sulla difficoltà in capo al paziente, laddove le cose andassero male, di vedere risarciti eventuali danni patiti.

Continua a leggere su DM Club,
la sezione premium de Il Dentista Moderno

Registrati al sito e accedi subito ad una selezione di articoli free come questo, indicati con il logo DM CLUB Free Premium CREA UN ACCOUNT

Fai già parte del DM Club?

Abbonati a Il Dentista Moderno per accedere a tutti gli altri contenuti e vantaggi riservati agli abbonati.

Una costosa variabile - Ultima modifica: 2021-02-16T10:15:47+00:00 da monicarecagni

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome