volte sì, più spesso no. La Cassazione non ha ancora assunto una precisa posizione in merito alla remunerazione o meno degli “ex” specializzandi, però ha mostrato aver compreso che la scuola di specializzazione post lauream in odontostomatologia richiede una più attenta considerazione e ciò alla luce di quell’avvicendarsi di norme che hanno reso complicata e a volte confusa la nascita proprio dell’Odontoiatria.

Il caso

Nel 2014 B.A. convenne in giudizio, davanti al Tribunale di Bari, la Presidenza del Consiglio dei ministri e il Ministero dell’istruzione esponendo:

Pubblicità
  • di essere laureata in medicina e chirurgia;
  • di avere conseguito la specializzazione in odontostomatologia, dopo avere frequentato la relativa scuola di specializzazione dal 1988 al 1991;
  • di non avere percepito dall’Università, durante la frequenza della scuola di specializzazione, alcuna borsa di studio o emolumento;
  • che la mancata percezione della remunerazione durante la frequentazione della scuola di specializzazione costituiva un danno, ascrivibile alla tardiva attuazione, da parte dello Stato italiano, della Direttiva 82/76/CEE.

Continua a leggere su DM Club,
la sezione premium de Il Dentista Moderno

Registrati al sito e accedi subito ad una selezione di articoli free come questo, indicati con il logo DM CLUB Free Premium CREA UN ACCOUNT

Fai già parte del DM Club?

Abbonati a Il Dentista Moderno per accedere a tutti gli altri contenuti e vantaggi riservati agli abbonati.

Lo studente appagato - Ultima modifica: 2021-06-22T12:50:42+00:00 da monicarecagni

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome