Riabilitazione estetica con faccette: dalla progettazione alla realizzazione

77

L’importanza dell’estetica al giorno d’oggi è preponderante in odontoiatria e va pesantemente considerata nella progettazione e realizzazione di un piano di trattamento. Questa considerazione è tanto più vera quando si opera all’interno del campo delle riabilitazioni complesse nel settore anteriore. Per far fronte alle sempre più alte richieste dei pazienti sono stati prodotti materiali sempre più performanti, le ceramiche possono essere lavorate con spessori sempre più sottili, minimizzando comunque il rischio di frattura.  

Se è vero che da un lato le tecniche digitali nell’ambito delle riabilitazioni estetiche stanno trovando sempre più spazio, il work-flow analogico rimane parte integrante della formazione di tutti gli odontoiatri e permette ancora una grande personalizzazione del trattamento ed il raggiungimento di risultati estetici ottimali.

Nel video che ti proponiamo, Diego Lops del Dipartimento Protesi dell’Università di Milano, presenta un protocollo di lavoro per le riabilitazioni minimamente invasive con ceramiche integrali.

Cosa troverai nel video 

Faccette in ceramica: dalla progettazione alla realizzazione

Diego Lops illustra brillantemente le fasi del protocollo riabilitativo sottolineando i vari step con fotografie ad altissima definizione. Le fasi di cui si compone il flow di lavoro sono sette:

STEP 1: Il paziente viene ascoltato nelle sue aspettative ed esigenze, visitato, fotografato; vengono inoltre prese delle impronte per lo studio del caso.

STEP 2: Vengono fabbricati i modelli studio e le relative cerature diagnostiche da cui viene prodotta la simulazione digitale del caso con rispettivo rendering su schermo. Tale risultato viene proposto al paziente e discusso.

STEP 3: Per una maggiore efficacia nella comunicazione del piano di trattamento si possono produrre mascherine tray-in in resina che vengono fatte indossare al paziente in modo da simulare live il risultato finale del trattamento prima di iniziarlo.

STEP 4: In caso di accettazione si provvede alla preparazione degli elementi dentali seguendo templates in silicone in accordo con la mascherina. È possibile ottenere i provvisori basando la mascherina tray-in stessa (tecnica diretta) o facendola fabbricare dall’odontotecnico rispettando lo smile design proposto al paziente (tecnica indiretta).

STEP 5: Nella stessa seduta, prima di applicare i provvisori, si rilevano le impronte di precisione delle preparazioni.

STEP 6: Si procede alla fabbricazione dei manufatti in ceramica; disilicato di litio o ceramica feldspatica possono essere selezionate a seconda delle esigenze e spessori richiesti.

STEP 7: Dopo rimozione del provvisorio si procede alla cementazione delle ceramiche.

Come vedere il video

Questo contenuto è riservato ai membri DM Club.

Fai parte del DM Club?

Accedi per visualizzare il contenuto

Hai dimenticato la password?

Non sei ancora iscritto?

clicca ed entra nel club

Sei abbonato a Il Dentista Moderno ma non hai mai effettuato l’accesso all’area DM Club?

Registrandoti qui con la stessa e-mail utilizzata per la sottoscrizione del tuo abbonamento, entrerai a far parte del DM Club ed entro 24 ore verrai abilitato automaticamente alla consultazione di tutti i contenuti riservati agli abbonati.

Per qualsiasi problema scrivi a abbonamenti@tecnichenuove.com

Riabilitazione estetica con faccette: dalla progettazione alla realizzazione - Ultima modifica: 2019-03-06T18:10:07+00:00 da Accademia Tecniche Nuove
Riabilitazione estetica con faccette: dalla progettazione alla realizzazione - Ultima modifica: 2019-03-06T18:10:07+00:00 da Accademia Tecniche Nuove

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome