Implantologia: soluzioni tradizionali in titanio e alternative ceramiche

490
0
CONDIVIDI

Nell’aggiornamento monografico “Tecnologie implantari a confronto: vantaggi e svantaggi di soluzioni tradizionali in titanio e alternative ceramiche” (Il Dentista Moderno, gennaio 2018) il gruppo di ricerca guidato da Dino Re, direttore del Reparto Riabilitazione orale dell’Università degli Studi di Milano presso l’Istituto Stomatologico Italiano di Milano, ripercorre la storia degli impianti ceramici. «L’introduzione di impianti ceramici», scrivono gli autori del testo (Dino Re, Andrea Enrico Borgonovo, Piero Nobili, Virna Vavassori, Federico Ronchi, Roberta Magnani e Cesare Lacaita), «ha rappresentato una svolta in campo implantologico, in quanto ha reso possibile il superamento di alcune problematiche date dall’utilizzo degli impianti in titanio, quali inestetismi, sensibilizzazione a ioni metallici e reazioni infiammatorie o allergiche in alcuni pazienti».

In questa videointervista, Andrea Enrico Borgonovo, responsabile chirurgico del Reparto di Riabilitazione orale dell’Università degli Studi di Milano presso l’Istituto Stomatologico Italiano, e co-autore del testo, spiega com’è nata l’idea di affrontare questo argomento e a chi è indirizzato l’aggiornamento monografico, questa volta dedicato all’implantologia.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO